Martedì 21 settembre 2021, ore 18:42

Quotidiano di informazione socio‑economica

Istat 

Lavoro, ripresa ancora precaria 

Nel secondo trimestre 2021, dopo cinque trimestri di calo, il numero di occupati torna a crescere del 2,3% rispetto allo stesso trimestre del 2020 (+523 mila occupati in un anno) e il tasso di occupazione delle persone tra i 15 e i 64 anni sale al 58,2% (+1,7 punti), con incrementi più marcati tra le donne, i giovani di età compresa tra i 25-34 anni e nel Mezzogiorno, ”in un contesto di generale riattivazione del mercato del lavoro”. E’ quanto rileva l'Istat che sottolinea come la ripresa occupazionale osservata rispetto al secondo trimestre 2020 - che ha rappresentato il picco negativo (1,2 milioni di occupati in meno nel secondo trimestre 2020 rispetto allo stesso trimestre del 2019) - ha coinvolto di più coloro che per primi avevano subito gli effetti della pandemia: occupati nei servizi e lavoratori a termine, con maggiori ripercussioni per giovani, donne e stranieri. L’occupazione rimane ancora inferiore ai livelli pre-pandemia, con 678 mila occupati in meno rispetto al secondo trimestre 2019; in particolare, le donne occupate sono 370 mila in meno (-3,7% rispetto a -2,3% degli uomini) e il tasso di occupazione femminile, al 49,3%, è ancora inferiore di 1,4 punti (-1 punto, al 67,1%, per gli uomini).
L'aumento dell'occupazione interessa soltanto i dipendenti a termine (+573mila, +23,6%), in particolare quelli con un lavoro di durata inferiore o pari a 12 mesi, mentre continuano a calare i dipendenti a tempo indeterminato (-29mila, -0,2%) e gli indipendenti (-21mila, -0,4%). In crescita sia gli occupati a tempo pieno sia, con maggiore intensità, quelli a tempo parziale (+1,8% e +4,8%, rispettivamente).
Nel secondo trimestre 2021, a ritmi più intensi rispetto al trimestre precedente, prosegue la crescita delle persone in cerca di occupazione che salgono a 2 milioni 422 mila unità (+514 mila in un anno, +27,0%).
A livello settoriale, agricoltura e industria hanno recuperato le perdite occupazionali subite nel 2020, decisamente più modeste di quelle del settore dei servizi; nonostante quest'ultimo, nel secondo trimestre 2021, abbia mostrato una dinamica decisamente positiva, gli occupati sono ancora 768 mila in meno (-4,6%) di quelli del secondo trimestre 2019. Le professioni intellettuali e tecniche sono le uniche a non mostrare segnali di ripresa, più intensa per imprenditori e dirigenti e per le professioni non qualificate.
Commenta il presidente di Adapt Seghezzi: ”I contratti a termine trainano l’occupazione, questo significa che il mercato del lavoro sta cambiando. E la riforma delle politiche attive ne deve tenere conto perché al momento, è ancora parziale e non sembra seguire il corso del cambiamento di scenario”. Seghezzi lancia l'allarme: ”Mancano i giovani e non si investe più nell'incontro di domanda e offerta di lavoro. Affinché l'Italia resti un Paese competitivo c’è più bisogno di persone formate che di manodopera di basso livello”.
Per il presidente dell’Inapp Fadda quelli dell’Istat ”sono dati che inducono all’ottimismo, si conferma che la crisi che abbiamo vissuto non era dovuta alla flessione della domanda ma al blocco delle attività legate all'emergenza sanitaria, tuttavia ci sono anche delle traiettorie che andrebbero corrette”. La prima 'traiettoria, rimarca Fadda, ”riguarda l'esplosione dei contratti a termine cresciuti dell'8,3% rispetto allo 0,5% del tempo indeterminato. Un segnale che indica come la crescita sia dovuta in parte all'incremento degli stagionali e in parte a scelte degli imprenditori che non sembrano essere molto fiduciosi rispetto alla ripresa”. La seconda traiettoria da raddrizzare ”riguarda la distribuzione, settoriale: l’industria cresce con minore forza; ma non possiamo essere un'economia basata solo sulla ristorazione e il turismo”.
Giampiero Guadagni

( 13 settembre 2021 )

Protagonisti del Novecento

L’amata Creta di Theodorakis

Con Theodorakis una grande pagina della storia della musica greca si chiude per sempre

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il 2 settembre 2021 è stata inaugurata al Museo delle Culture di Milano (MUDEC) la mostra “Disney. L’arte di raccontare storie senza tempo” 

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Recensioni

Un obbrobrio da ricordare

Le leggi razziali complici dei crimini razzisti e dello stesso olocausto.  “Il regime fascista scrive Liliana Segre - fu violento, omicida, razzista e discriminatorio fin dalle origini”, “totalitario” dalle sue origini

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it