Giovedì 22 febbraio 2024, ore 3:14

Economia 

Pil, regna l’incertezza 

Rimane elevata l’incertezza sull’evoluzione dell’economia italiana. Lo afferma l'Istat nella Nota mensile sull'andamento dell'economia italiana ricordando che il Pil nel primo trimestre ha registrato una marginale contrazione e che la crescita acquisita per il 2022 è del 2,2%. ”Ad aprile - scrive l’Istat - la fiducia di famiglie e imprese ha mostrato una stabilizzazione in presenza di differenze significative nelle aspettative. Tra i consumatori sono migliorati i giudizi sul clima futuro mentre tra le imprese manifatturiere e dei servizi di mercato si è manifestato un deciso peggioramento delle attese sull'economia”.
Prosegue la fase di rallentamento dell'economia internazionale caratterizzata dalle forti pressioni inflazionistiche e dal cambio di intonazione delle politiche economiche. A marzo, si è registrata una stabilizzazione della produzione industriale che ha segnato nel primo trimestre un calo congiunturale dello 0,9% (e un aumento dell’1,3% su base tendenziale). Nel primo trimestre 2022 il Pil è diminuito dello 0,2% rispetto al trimestre precedente.
Quanto al mercato del lavoro a marzo ha mostrato un deciso miglioramento, con un incremento dell’occupazione e una riduzione della disoccupazione e dell’inattività. L’ulteriore aumento congiunturale dell’occupazione (+0,4%, pari a +81 mila unità), trainato dalla componente femminile (+0,9%, pari a +85 mila unità), è avvenuto in presenza di una riduzione del numero di disoccupati (-2,3%, -48 mila) e di inattivi (-0,6%, -72 mila) Ad aprile, l’inflazione ha segnato una prima decelerazione, interrompendo la fase di progressivi aumenti in corso da nove mesi. Il differenziale inflazionistico con l'area euro si è ampliato a favore dell'Italia. In base alla stima preliminare, ad aprile la variazione tendenziale dell'indice per l'intera collettività è risultata pari a +6,2% (+6,5% il mese precedente) e l'inflazione acquisita per il 2022 è aumentata solo di un decimo di punto rispetto al mese precedente (5,3%) A febbraio, il settore delle costruzioni ha registrato per il settimo mese consecutivo un incremento della produzione (+3,9% la variazione congiunturale) che è salita ai livelli più alti da dicembre 2011. Su base trimestrale l'aumento dell'indice è stato ancora più robusto (+5,8% tra dicembre 2021 e febbraio 2022 rispetto ai tre mesi precedenti). L'aumento ha riguardato sia il numero di abitazioni (+0,9%) sia la superficie utile abitabile (+1,6%). La superficie dei fabbricati non residenziali ha mostrato, invece, un marcato rallentamento congiunturale (-20,3%), bilanciando l'espansione evidenziata nei tre mesi precedenti.
Intanto Bankitalia fa sapere: nel mese di marzo i tassi di interesse sui prestiti erogati alle famiglie per l'acquisto di abitazioni comprensivi delle spese accessorie si sono collocati al 2,01 per cento contro l'1,85 di febbraio. I tassi sui mutui sono sui massimi da più di due anni e mezzo. A marzo i prestiti al settore privato sono cresciuti del 2,5 % sui dodici mesi (2% nel mese precedente). I prestiti alle famiglie sono aumentati del 4% sui dodici mesi (3,8 nel mese precedente) e quelli alle società non finanziarie dell'1,3% (contro l'1,2% nel mese precedente).
Secondo i primi calcoli, una famiglia che accende oggi un mutuo a tasso fisso a 30 anni da 100 mila euro spende complessivamente circa 8.812 euro in più rispetto allo stesso prestito acceso a inizio gennaio 2022, solo per il costo maggiore delle rate e senza considerare le altre spese come perizie, spese di pratica e costi bancari.
Giampiero Guadagni

( 11 maggio 2022 )

Mostre

Un antropologo che fa il fotografo

Al MUDEC Milano una coloratissima monografica dedicata a Martin Parr

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Filosofia

Schopenhauer: l’età del disincanto

C’è una via d’uscita dal dolore in cui versa la condizione umana, di cui tutti soffrono indipendentemente dalle circostanze esterne e dalla posizione sociale?

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Una bussola orientativa

Per la collana Voci, Treccani libri presenta il saggio di Claudio Magris, analisi della narrativa come forma letteraria tra la fine del XIX e la metà del XX secolo

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it