Venerdì 1 luglio 2022, ore 22:25

Breaking News

Economia 

Salario minimo, la posta in gioco 

Accordo politico in dirittura d’arrivo a Strasburgo sul salario minimo. La proposta del Parlamento europeo (approvata il 25 novembre 2021) mira a stabilire dei requisiti di base per garantire un reddito che permetta un livello di vita dignitoso per i lavoratori e le loro famiglie. I deputati propongono due possibilità per raggiungere l’obiettivo: un salario minimo legale (il livello salariale più basso consentito dalla legge) o la contrattazione collettiva fra i lavoratori e i loro datori di lavoro. Inoltre, il Parlamento vuole rafforzare ed estendere la copertura della contrattazione collettiva obbligando i Paesi Ue con meno dell'80% dei lavoratori coperti da questi accordi a prendere misure efficaci per promuovere questo strumento.
L’Italia è tra i sei Paesi nella Ue che ancora non hanno una regolamentazione in materia. La decisione in tal senso spetta al Governo e naturalmente alle parti sociali. Il dibattito è aperto ed è stato al centro nel fine settimana al Festival dell’Economia di Trento.
Dal leader della Cisl Sbarra giudizio positivo sull’accordo europeo. Ma, avverte, ”il salario minimo serve solo nei Paesi che non hanno una contrattazione adeguata, che, non a caso, sono anche quelli con i salari più bassi e i minori diritti. Per l’Italia non c’è alcun obbligo di salario minimo, perché abbiamo un sistema contrattuale che copre molto al di sopra della soglia dell'80% prevista dalla direttiva Ue. Per noi, dunque, c’è solo l'incoraggiamento a rafforzare la contrattazione”. Aggiunge Sbarra: ”Più che alla priorità guarderei all’utilità. Il punto è che non è utile. La regolamentazione per legge del salario potrebbe smontare, diversamente da quanto ci chiede l'Europa, la contrattazione e con essa un modello che ha garantito il progresso e l'avanzamento sociale”. Di fronte alla crescita dell'inflazione poi, secondo il numero uno del sindacato di Via Po, ”è necessario insistere con sostegni straordinari e immediati. Anche a costo di scostamenti di bilancio”. Su salari e cuneo ”chiederemo subito un tavolo triangolare per un’intesa, accordo o patto che sia, che metta al centro una nuova politica dei redditi, l'apertura ad un metodo partecipativo, l'accelerazione degli investimenti del Pnrr, un progetto di sviluppo che unisca il Paese, così come la riduzione delle tasse, cambiare le pensioni e puntare sul lavoro”. A chi dice di seguire la Germania, Sbarra replica: ” In Germania non esistono contratti collettivi nazionali di lavoro salvo qualche settore, noi abbiamo un sistema diverso con il 90% di copertura contrattuale Quello tedesco è un semmai modello per unire Nord e Sud e per il sistema della partecipazione, facendo contare di più i lavoratori nella gestione delle aziende”.
Da parte sua il segretario generale della Cgil Landini sostiene: ”Se finalmente tutta l'Europa si rende conto che salari bassi e lavoratori precari senza diritti sono elementi che mettono in discussione tenuta sociale e democratica del nostro Paese e dell'Europa, credo che vada affrontata e bisogna farlo in modo intelligente". A favore del provvedimento, intanto, si esprime la Uil purché, sottolinea Bombardieri, ”non sostituisca i contratti”.
Il leader degli industriali Bonomi propone di tagliare le tasse sul lavoro. Sulla stessa linesa, sul fronte politico, il centrodestra. Sul provvedimento, fermo al Senato, restano le divisioni anche all’interno dell’Esecutivo. Per il ministro del Lavoro Orlando ”occorre trovare il punto di contatto che consenta di intervenire subito in attesa poi di una legge di carattere più organico”. Ma il ministro della Pa Brunetta ritiene che il provvedimento ”non va bene per legge perché è contro la nostra storia culturale di relazione industriali. Il salario non può essere moderato ma deve corrispondere alla produttività”. Sul tema interviene anche il Governatore della Banca D’Italia Visco, secondo il quale ”se il provvedimento è ben studiato è una buona cosa. Ha vari effetti positivi, il rischio sta nel livello perché se è eccessivo può portare a non occupare persone che potrebbero invece voler lavorare al di sotto di quel livello. Quello che è importante è non legare al salario minimo automatismi”.
Giampiero Guadagni

( 6 giugno 2022 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Mescolando la ragione e il sentimento La Capria nella sua opera ha narrato una cosmogonia della vita quotidiana, fondata sull’uso del senso comune, e dominata dalla costante presenza del mare

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

L'epica di Raffaele Nigro

 Il cuoco dell’Imperatore edito da La Nave di Teseo, cade a 35 anni dal premio Campiello che lo scrittore di Melfi si aggiudicò nel 1987

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Addio a Raffaele La Capria

Lo stupore della bellezza

"La bellezza ha in sé un valore morale oltre che estetico, che è un bene per lo stupore e la meraviglia che suscita in noi"

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it