Domenica 19 maggio 2024, ore 4:57

Guerra 

Gas: l’ Ue ha il suo “price cap” a 180 euro. Decisivo il sì di Berlino 

Partiamo da un dato finale, fondamentale. Il prezzo del gas sul mercato di Amsterdam torna ai minimi da metà giugno dopo l'accordo in sede Ue sul 'price cap'. I future Ttf, punto di riferimento per il prezzo del metano in Europa, hanno toccato un minimo di 100,2 euro, in calo del 7,7%, per poi risalire a 104 euro, in calo del 4,1%. Già ieri, in scia alle notizie sul tetto di 180 euro i future di Amsterdam avevano lasciato sul terreno il 6% "Gran bella notizia il via libera europeo sul tetto al prezzo del gas. Il 'price cap' è necessario per frenare la speculazione e freddare le minacce di Gazprom. Ora si vada fino in fondo anche con un nuovo Recovery per sostenere occupazione, riconversioni, sovranità energetica Ue", ha scritto su twitter il segretario generale Cisl, Luigi Sbarra.

In effetti, la fumata nera era un lusso che questa volta l'Europa non poteva permettersi: proprio all'ultimo miglio arriva l'accordo nell'Ue sul 'price cap' al gas. Un tetto di 180 euro, attivabile per venti giorni, a partire dal prossimo febbraio. È un'intesa che non tutti, fino ad una manciata di settimane fa, avrebbero voluto. E che sin dallo scorso marzo ha visto il governo italiano in trincea. "È la vittoria dell'Italia", hanno esultato all'unisono Giorgia Meloni a Roma e il ministro per l'Ambiente e la sicurezza energetica Gilberto Pichetto Fratin a Bruxelles. L'intesa potrebbe anche colpire le casse di Mosca. "È un accordo inaccettabile che crea distorsione nel mercato, reagiremo", ha non a caso tuonato il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov. L'intesa è arrivata all'ultimo Consiglio affari energia disponibile per il 2022. La settimana scorsa i leader europei erano stati chiari: il pacchetto energia - che comprende anche la piattaforma comune per gli acquisti del gas e la solidarietà tra Paesi membri in caso di emergenza delle forniture - va finalizzato.

A metà riunione è arrivata sul tavolo l'ultima proposta di compromesso della presidenza ceca, che recitava così: tetto al costo del gas se il prezzo all'ingrosso supera i 180 euro per MWh per tre giorni lavorativi e sarà superiore di 35 euro al prezzo del Gnl sui mercati globali. Il cap fa riferimento al Ttf, ovvero alla Borsa di Amsterdam. Una volta attivato non sono consentite transazioni sui futures sul gas naturale che rientrano nell'ambito di applicazione del "tetto" al di sopra di un cosiddetto "limite di offerta dinamica". Nell'intesa è inclusa l'ipotesi che possa essere applicato anche alle transazioni fuori Borsa. Il meccanismo di correzione del mercato viene monitorato dall'Acer. In caso di emergenza nella sicurezza dell'approvvigionamento il cap può essere disattivato immediatamente. "L'Ue sarà meglio preparata per la prossima stagione invernale e per il nuovo round di riempimento degli stock", ha sottolineato la commissaria Ue all'Energia Kadri Simson. L'obiettivo della Commissione ma anche della presidenza ceca era raggiungere il più ampio consenso possibile.

Non è accaduto. Austria e Olanda si sono astenute. L'Ungheria ha votato contro. L'accordo politico è stato raggiunto a maggioranza qualificata: la cosiddetta procedura scritta formalizzerà l'intesa sul tetto e sull'intero pacchetto energia. Il ministro degli Esteri Peter Szijjarto ha lasciato in anticipo la riunione lanciando l'ennesimo strale orbaniano contro Bruxelles. "Saremo liberi su eventuali modifiche al contratto per le forniture di gas con la Russia, senza notificarlo alla Commissione", ha sottolineato. Sull'intesa, però, c'è stato il sì determinante della Germania, che ha ottenuto una modifica al regolamento sui permessi sulle rinnovabili. "Ha prevalso la volontà di tenere unita l'Ue", ha sottolineato Pichetto, spiegando come il cap sia il primo passo per calmierare le bollette.

E delineando il prossimo obiettivo energetico dell'Italia in Ue: il disaccoppiamento del prezzo dell'elettricità da quello del gas, piano che la Commissione dovrebbe completare entro marzo. In Italia l'intesa è stata trasversalmente salutata con favore. Il ministro per gli Affari Ue Raffaele Fitto ha ricordato il lavoro di mediazione fatto da Meloni all'ultimo Consiglio europeo. La premier non ha dimenticato di ringraziare anche Mario Draghi, che il 9 marzo aveva avanzato la proposta a Ursula von der Leyen, a lungo nel mirino per la lentezza con cui si è mossa. A fine giornata la Borsa di Amsterdam ha chiuso in calo del 6% a 108 euro al megawattora. Il ministro ceco Jozef Sikela si è presentato con una felpa bianca e blu e la scritta "Convocheremo tutti i Consigli Energia necessari". Per una volta, potrà evitarlo. "Sono molto felice di poter tirare fuori le bottiglie che avevo messo in frigo", ha esultato con i cronisti.

Rodolfo Ricci

( 20 dicembre 2022 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Copertina dedicata al saggio “Dio, la scienza, le prove. L’alba di una rivoluzione”, scritto da due studiosi, Michel-Yves Bolloré e Olivier Bonassies

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

La scomparsa di Alice Munro

Lo sguardo sulla provincia

Premio Nobel per la letteratura nel 2013 e subito dopo precipitata nell’avverarsi dell’incubo peggiore di chi scrive: la demenza senile

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Intervista

Le sfaccettature dello smart working

A colloquio con Francesco Maria Spanò, saggista ed esperto di tematiche di organizzazione e gestione delle risorse umane

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it