Martedì 16 luglio 2024, ore 8:37

Bruxelles 

Imballaggi: limiti Ue al monouso ma si salva la busta dell’ insalata 

Si può salvare l'insalata lavata e tagliata pronta in busta e gli imballaggi per il take away. Ma non la plastica monouso attorno a frutta e verdura fresche se non trasformate: dovranno sparire dall'Ue dal 2030, assieme alle singole confezioni monouso per alimenti e bevande in vendita per il consumo in bar e ristoranti. Addio dal 2030 anche ai mini shampoo e campioncini vari negli alberghi. Sono alcuni degli elementi dell'intesa raggiunta tra i negoziatori del Consiglio Ue e del Parlamento europeo, per la riforma sugli imballaggi e i rifiuti da imballaggi. Resta comunque confermato l'obiettivo ambizioso posto sin dall'inizio dalla Commissione europeo nella proposta di regolamento di arrivare a un calo dei rifiuti da imballaggio del 5% entro il 2030, del 10% nel 2035 e del 15% entro il 2040.

Gli effetti dell'intesa andranno compresi a una lettura più attenta delle norme definitive concordate al cosiddetto trilogo, ma a quanto pare tra i temi più sensibili della riforma sono previste deroghe agli obiettivi per il riuso degli imballaggi per bevande di almeno il 10% entro il 2030: gli Stati membri potranno concedere una deroga di cinque anni se ad esempio al 2025 verrà superato del 5% l'obiettivo sul riciclaggio. Gli obiettivi sul riuso al 2040 saranno poi indicativi. Saranno poi esentate le microimprese e gli operatori potranno raggrupparsi fino a cinque distributori finali per raggiungere gli obiettivi sul riuso delle confezioni per le bevande. Quanto all'insalata in busta 'salvata', sembra a una prima lettura che faccia parte delle possibili esenzioni che sono consentite agli Stati membri "e ci sia un bisogno dimostrato di evitare spreco di acqua, di freschezza o rischi microbiologici, ossidazione" eccetera.

Nel testo finale, poi, sul divieto dal 2030 alla plastica monouso per le singole confezioni di frutta e verdura sotto gli 1,5 chili spunta poi la dicitura "non processate". Le nuove norme Ue prevedono restrizioni sul contenuto di Pfas sugli imballaggi a contatto con gli alimenti. Il regolamento sarà poi rivalutato tre anni dopo l'entrata in vigore in base allo stato di sviluppo tecnologico degli imballaggi in plastica a base biologica per stabilire quindi requisiti di sostenibilità per gli imballaggi in bioplastica. Arrivano limiti allo spazio vuoto degli imballi per indurre un confezionamento raggruppato (si fissa un rapporto massimo di spazio vuoto del 50% negli imballaggi raggruppati, per il trasporto e per il commercio elettronico).

Scatterà invece un obbligo per le imprese di asporto di offrire ai clienti la possibilità di portare con sé i propri contenitori da riempire con bevande fredde o calde o cibi pronti, senza alcun costo aggiuntivo. Entro il 2030, le attività da asporto dovranno offrire il 10% dei prodotti in formati di imballaggio idonei al riutilizzo. La produzione di imballaggi e la gestione dei rifiuti di imballaggio genera un fatturato totale di 370 miliardi di euro nell'Ue.

Rodolfo Ricci

( 5 marzo 2024 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Un provvidenziale viatico per esplorare in lungo e in largo le innumerevoli potenzialità del tomismo, il suo lascito semantico lungo e prezioso

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un’originale escursione letteraria

Interessante excursus che sviluppa il confronto tra due mondi che la storia ha da sempre visto come contrapposti, Francia e Germania

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Muoversi fra il reale e il fantastico

L’aristocratica, il cavaliere, il religioso sono solo alcuni dei personaggi che si incontrano fra le pagine di “Viaggiare nel Medioevo” 

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it