Lunedì 15 aprile 2024, ore 14:56

America 

L’inflazione Usa frena al 3,2% e la Fed pensa ad una pausa sui tassi 

È successo. L'inflazione americana rallenta e a ottobre sale solo del 3,2%. Una frenata, la prima in quattro mesi, che mette le ali alle borse: le piazze finanziarie europee chiudono tutte in rialzo mentre i rendimenti dei Treasury affondano, riflettendo l'ottimismo degli investitori per l'attesa fine del ciclo rialzista della Fed e la crescente possibilità di un taglio dei tassi alla metà del 2024. Il rallentamento dei prezzi è legato alla benzina e alla frenata dei costi per le case, saliti il mese scorso dello 0,3% sul mese precedente e del 6,7% a livello tendenziale, registrando per la prima volta da oltre un anno un rialzo inferiore al 7%.

L'indice core - al netto di energia e alimentari e quello monitorato dalla Fed - è salito del 4% su base annua, meno del 4,1% su cui scommettevano gli analisti, e dello 0,2% su base mensile. La frenata mostra come dopo una dura 'battaglia', comunque non ancora finita, la Fed può iniziare quantomeno a tirare un sospiro di sollievo: la sua aggressiva campagna di rialzi dei tassi, al momento ai massimi da 22 anni, sta iniziando a produrre i risultati sperati. Per gli analisti il dato di ottobre 'cancella' ogni chance di un ulteriore ritocco al rialzo del costo del denaro nel 2023. E anzi apre la strada a un taglio dei tassi il prossimo giugno, quando è già attesa una sforbiciata dello 0,25% seguita il mese successivo da un'altra riduzione di analoga entità.

Le previsioni degli analisti si scontrano però con il complesso quadro con cui la Fed si trova a fare i conti per centrare l'obiettivo di un 'atterraggio morbido'. Al momento le possibilità di una recessione sono molto limitate: i dati sul pil, sul lavoro e sui consumi dipingono un'economia resiliente e consumatori che, nonostante il caro-prezzi, continuano a spendere. Ma per Jerome Powell ancora non si può cantare vittoria alla luce delle incertezze e delle incognite che aleggiano sull'economia. Fra queste ci sono i conti pubblici americani e la loro sostenibilità, come notato da Moody's nel rivedere al ribasso, a negativo da stabile, l'outlook per gli Stati Uniti.

Senza contare le guerre in Ucraina e a Gaza e le loro possibili implicazioni geopolitiche, alle quali si aggiungono un possibile shutdown a giorni o agli inizi del 2024, le elezioni presidenziali americane e i rischi che arrivano dalla Cina. Proprio Xi Jinping è atteso negli Stati Uniti per il vertice dell'Apec a San Francisco, a margine del quale vedrà Joe Biden, in quello che è il primo incontro fra i due da un anno. Il rallentamento cinese - ha detto Janet Yellen - è stato oggetto di confronto con i ministri dell'economia dell'Apec, secondo i quali rappresenta un "rischio al ribasso per l'outlook economico", soprattutto per quei paesi del Pacifico che hanno stretti rapporti commerciali con la Cina.

La crisi immobiliare e il debole andamento delle vendite durante il 'Singles' Day' hanno alimentato i timori per lo stato di salute dell'economia cinese. Gli Stati Uniti - ha spiegato Joe Biden prima di partire per San Francisco - sono interessati ad aiutare l'economia cinese in difficoltà ma non a spese della proprietà intellettuale americana.

Rodolfo Ricci

( 16 novembre 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Nel “Discorso sul metodo” Cartesio non fissa solo sul modello delle matematiche i principi del conoscere ma anche quelli della morale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un romanzo fatto di antieroi

Marco Lodoli torna in libreria con il suo nuovo attesissimo romanzo. Ambientato in un Liceo di periferia, la storia narra di una bidella che si innamora perdutamente del nuovo professore di Lettere

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Piero della Francesca. Il polittico agostiniano riunito

In mostra al Museo Poldi Pezzoli-Milano, per la prima volta nella storia, otto tavole provenienti da cinque musei internazionali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it