Martedì 25 gennaio 2022, ore 17:54

Quotidiano di informazione socio‑economica

Bruxelles 

La Ue ipotizza un obbligo vaccinale in tutta l’Europa 

"Fino a due o tre anni fa non lo avrei mai pensato, ma è tempo di discutere sull'obbligo vaccinale". Dopo gli annunci di Austria e Grecia, è la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen a imprimere una spinta al dibattito sulle immunizzazioni vincolanti nell' Europa alle prese da settimane con la recrudescenza della pandemia e i nuovi timori legati alla variante Omicron. Un'accelerazione che trova sponde anche in Italia.

Sull'ulteriore stretta, però, il governo italiano resta cauto. La campagna di immunizzazione "è fondamentale dati i numeri crescenti", ha sottolineato il ministro della Salute Roberto Speranza, parlando di "numeri molto incoraggianti", pari all'87,4% di prime dosi e all'84,5% di richiami sulla popolazione target, cui vanno aggiunti oltre 6,5 milioni di booster e dosi aggiuntive. Il governo insomma, sintetizzano in serata a Palazzo Chigi, accoglie la sollecitazione "importante" di von der Leyen a riflettere sull'obbligo, ipotesi peraltro mai del tutto esclusa anche dal premier Draghi, si fa notare. Ma le stesse fonti confermano che per ora l'Italia continuerà a puntare sulla moral suasion e il super green pass, anche alla luce dei dati molto positivi sulle immunizzazioni.

In Germania invece, dove l'obbligo vaccinale è in cima all'agenda dopo l'endorsement del cancelliere in pectore Olaf Scholz, si teme di arrivare a Natale con un nuovo record di occupazione delle terapie intensive con seimila pazienti, mentre già oggi con 4.690 posti occupati si sono resi necessari 80 trasferimenti da una regione all'altra e la messa in pre-allarme degli ospedali nei Paesi vicini, compresa l'Italia. A livello globale, resta forte la preoccupazione per i possibili effetti di Omicron. "Gli scienziati dicono di non saperne abbastanza. Servono due o tre settimane, che in pandemia sono un'eternità. Per questo la raccomandazione è vaccinatevi. Speriamo per il meglio, ma prepariamoci al peggio", ha avvertito ancora von der Leyen, parlando di una "corsa contro il tempo" e lanciando un appello per un maggiore coordinamento ai Paesi membri. "L'Ue è una regione epidemiologica, qualsiasi cosa facciamo e concordiamo come Ue deve essere centrato sulle persone, non è un discorso di frontiere. Il virus non si ferma alle frontiere", ha aggiunto la presidente della Commissione. Il nuovo ceppo, già trovato in decine di pazienti in almeno 24 Paesi nel mondo, continua intanto a diffondersi rapidamente.

In Sudafrica, dove una settimana fa è stato individuato per la prima volta, i contagi giornalieri sono raddoppiati rispetto a ieri, salendo a oltre 8 mila, e cresciuti di oltre il 400% su base settimanale. Ma il numero dei ricoveri non ha registrato aumenti significativi. E mentre si rafforzano chiusure e restrizioni ai viaggi, e gli scienziati accelerano gli studi - a Cuba sarebbero già al lavoro per un aggiornamento del vaccino -, sulla nuova mutazione l'Organizzazione mondiale della Sanità resta prudente. "Non abbiamo tutte le informazioni sulla trasmissibilità - ha detto la responsabile per le emergenze Maria Van Kerkhove - anche se qualche elemento suggerisce che sia più trasmissibile". Ma le condizioni della maggior parte dei contagiati con la nuova variante sono finora "lievi", sottolinea sempre l'Oms, secondo cui non ci sono al momento prove che suggeriscano che l'efficacia dei vaccini sia stata ridotta dal nuovo ceppo. Parlando della nuova emergenza, il direttore generale dell'agenzia dell'Onu Tedros Adhanom ha lanciato l'allarme sul "mix tossico" di bassa copertura vaccinale e poche persone testate, che potrebbe continuare a generare nuove varianti. Ma anche sugli sviluppi nelle prossime settimane l'Oms non si sbilancia, invitando gli europei a essere "pazienti" di fronte ai timori di un Natale in lockdown.

Rodolfo Ricci

( 2 dicembre 2021 )

Mostre

Un sodalizio intellettuale e umano

Levi e Ragghianti. Un’amicizia fra pittura, politica e letteratura, una grande mostra a Lucca, Fondazione Ragghianti-Complesso Monumentale di San Micheletto

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Paola Mastrocola e Luca Ricolfi parlano del loro libro Il danno scolastico. La scuola progressista come macchina della disuguaglianza

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Protagonisti del Novecento

Nel labirinto di Comisso

Il 21 gennaio 1969 si spegneva Giovanni Comisso, trevigiano, una delle voci più irripetibili della letteratura italiana novecentesca

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it