Venerdì 12 aprile 2024, ore 16:23

Francoforte 

Lagarde: bisogna evitare i fallimenti di aziende sane 

Nell'attuale fase della pandemia, "le nostre preoccupazioni sulla stabilità finanziaria si stanno spostando dai rischi di liquidità nel settore delle imprese non finanziarie alle loro vulnerabilità di bilancio". È questo il messaggio della presidente della Bce Christine Lagarde alla commissione Econ del Parlamento Ue. Si parte da un dato: è importante evitare che la combinazione di debito elevato e profitti più deboli, soprattutto nei settori più duramente colpiti dalla crisi, porti a insolvenze di aziende redditizie nel medio termine, perché "ciò potrebbe aumentare il costo sociale ed economico di questa crisi" e aumentare la rischiosità nei portafogli delle banche.
Questi i rischi: la forte crescita dei prestiti nella prima fase della pandemia, aiutata da generose misure di sostegno alla liquidità, ha portato a un maggiore indebitamento delle imprese, soprattutto le piccole e i settori vulnerabili, e "ciò ha anche ampliato l'esposizione del settore bancario", ha detto Lagarde parlando nella sua veste di presidente del Board per il rischio sistemico (Esrb).
Per le banche, ha spiegato, la priorità è riflettere pienamente il rischio di credito nella classificazione dei prestiti e nell'accantonamento in modo tempestivo, e "per affrontare i problemi di qualità degli attivi, potrebbero dover rafforzare ulteriormente la loro capacità di gestire e risolvere i crediti deteriorati, anche cercando, caso per caso, soluzioni per la ristrutturazione del debito di mutuatari sostenibili ma sovraindebitati". Per i governi, la priorità è gestire una transizione graduale dal sostegno alla liquidità a un sostegno alla solvibilità più mirato per le imprese redditizie. Invece nel caso di imprese che si rivelano non redditizie nell'economia post-pandemia, "i governi dovrebbero garantire l'applicazione di procedure di insolvenza efficienti".
Ma una cosa sembra certa: "il rischio a medio termine del legame tra debito sovrano e banche è limitato", ha sottolineato la presidente della Bce alla commissione Econ del Parlamento Ue. Anche se l'esposizione delle banche è aumentata del 16% tra il 2020 e il 2021, Lagarde ha spiegato che ci sono dei fattori che mitigano il rischio. Primo, "mentre nella crisi finanziaria le banche erano molto esposte sul debito domestico, ora c'è maggiore varietà". Inoltre "godono di condizioni di credito favorevoli, i Paesi si rifinanziano a costi bassi e il rischio è concentrato solo tra chi non ha ridotto l'esposizione al proprio debito dal 2009.
Poi un dato incoraggiante: la pandemia ha accelerato i trend in corso "ad un passo che mai avremmo immaginato, e se capitalizziamo questo momento, può accelerare la crescita della produttività del lavoro di 1% all'anno entro il 2024, più del doppio raggiunto dopo la grande crisi finanziaria".

Rodolfo Ricci

( 1 luglio 2021 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Nel “Discorso sul metodo” Cartesio non fissa solo sul modello delle matematiche i principi del conoscere ma anche quelli della morale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un romanzo fatto di antieroi

Marco Lodoli torna in libreria con il suo nuovo attesissimo romanzo. Ambientato in un Liceo di periferia, la storia narra di una bidella che si innamora perdutamente del nuovo professore di Lettere

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Piero della Francesca. Il polittico agostiniano riunito

In mostra al Museo Poldi Pezzoli-Milano, per la prima volta nella storia, otto tavole provenienti da cinque musei internazionali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it