Giovedì 29 febbraio 2024, ore 12:43

Bruxelles 

Patto stabilità: possibile intesa Ue nel 2023 ma Roma pensa allo stop 

Avanza la trattativa tra i partner europei. Infatti, passi avanti all'Ecofin sulla riforma del Patto di stabilità europeo, con un palpabile ottimismo sulla possibilità di concludere entro fine anno la trattativa approvando le nuove regole fiscali in Consiglio Ue. A tal punto che la presidenza di turno spagnola è pronta a convocare una riunione straordinaria dei ministri Ue dell'Economia a fine mese, si ipotizza attorno al 23 novembre. E se i frugali e la Germania innanzitutto sembrano decisamente soddisfatti dall'aver ottenuto il principio di fissare dei precisi parametri numerici, o 'benchmark' - ancora tutti da negoziare - e Berlino è ancor più contenta di aver fatto passare il principio di salvaguardia sulla "resilienza del deficit", dall'Italia proprio sul deficit sembra arrivare un altolà.

La trattativa è ancora aperta ma secondo fonti del Mef fissare un obiettivo sul disavanzo con un ulteriore margine sotto al 3% del Pil sarebbe fortemente penalizzante: piuttosto sarebbe più semplice tornare alle vecchie regole fiscali sospese a inizio pandemia. Non si temono invece salvaguardie numeriche sul calo medio annuo del debito, purché siano su valori sostenibili e credibili. Roma, comunque, stando al nuovo documento di lavoro sulla riforma del Patto messo a punto da Madrid porta a casa qualcosa in più sugli incentivi agli investimenti, fortemente voluti anche dalla Francia.

Non c'è lo scorporo o 'golden rule' sul green e il digitale dal conteggio della spesa (al centro della riforma del Patto ci saranno dei piani sulla spesa primaria netta a 4 anni, estendibili a 7). Ma accanto agli impegni sui Pnrr, già considerati dal testo precedente, è spuntata anche una sorta di eccezione degli investimenti legati al cofinanziamento nazionale dei fondi Ue: come "soluzione transitoria" per estendere i piani fino a 7 anni varranno i Pnrr. E i progetti finanziati dal Pnrr nel 2025 e il cofinanziamento nazionale dei fondi Ue, poi, saranno presi in considerazione ogni volta che uno Stato membro richiede un'eccezione alla salvaguardia del non-backloading - cioè del principio voluto per evitare rinvii al consolidamento dei conti, chiedendo aggiustamenti lineari e dall'inizio dei piani di spesa - a condizione che ciò non metta a repentaglio la sostenibilità fiscale nel medio termine.

Concretamente, però gli unici fattori rilevanti sul conteggio del deficit nel nuovo piano saranno gli investimenti nella difesa (considerati nelle procedure di infrazione). Un altro punto in trattativa a favore dei Paesi con un debito oltre al 60% del Pil è anche l'aggiornamento sui tempi di rientro: secondo l'ultima versione (la 'proposta danese' per sbloccare il negoziato) la salvaguardia sul calo del debito scatterebbe nei 4 anni successivi al periodo di aggiustamento che ha una durata di 4-7 anni. I tempi quindi si allungano a 8-11 anni. È un periodo maggiore ma comunque inferiore alla proposta iniziale spagnola che ipotizzava di calo a 14-17 anni. I tedeschi invece chiedevano un taglio già nell'ultimo anno di piano.

Non va dimenticato su tutto che al momento Berlino porta a casa un principio rivoluzionario rispetto al tetto del disavanzo al 3% dei Pil previsto dai Trattati Ue. Gli Stati dopo aver portato il debito in un percorso discendente come da riforma dovranno avere un "margine di sicurezza" (da trattare) sul deficit come paracadute ai conti in caso di un ciclo economico sfavorevole. Per Roma sarebbe penalizzante, appunto, ma per Berlino si è rivelato un aut-aut. Nadia Calvino, ministra dell'Economia della Spagna e alla presidenza Ue, ha però escluso che qualche Stato abbia chiesto un ritorno al vecchio Patto piuttosto di avere questa riforma. "Quello che abbiamo sentito è un impegno molto forte ad adottare le nuove regole", ha detto. Nella trattativa il "mood è eccellente e stiamo movendoci sulla giusta direzione", ha affermato il ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire. "Sono più ottimista che si possa raggiungere un accordo quest'anno", ha detto Lindner.

Una cosa sembra certa: un accordo sulla revisione della governance economica europea "secondo noi è fondamentale per poter mandare un messaggio di stabilità ai mercati", ha detto il vicepresidente della Bce Luis De Guindos intervenendo nella sessione pubblica dell'Ecofin. "Accogliamo con favore i progressi realizzati per giungere al compromesso su questo fascicolo così rilevante. È necessario arrivare alla fine" dei lavori e "trovare un compromesso" restando concentrati "sugli obiettivi principali della riforma con un quadro credibile che offra sostenibilità di bilancio con norme di bilancio credibili e che permette ulteriori riforme e investimenti".

Rodolfo Ricci

( 10 novembre 2023 )

Mostre

La cartografia e la famiglia De Agostini

 Le carte geografiche della De Agostini hanno segnato un’in tera epoca, a cui oggi, nel mondo dominato dalla digitalizzazione e dai satellitari, guardiamo con una certa nostalgia

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Eventi

Torna Milano MuseoCity

Dal primo marzo la manifestazione promossa dal Comune con l’obiettivo di valorizzare gli spazi espositivi della città e del territorio limitrofo

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Il capolavoro scomparso

“Il collezionista” è la riprova del talento di Daniel Silva e la conferma che la letteratura di spionaggio costituisce l’unica forma letteraria di rilettura e interpretazione geopolitica di questa epoca

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it