Giovedì 22 febbraio 2024, ore 3:06

Europa 

Prove di disgelo tra Macron e Meloni: convergenze su migranti e Patto Ue 

Si parte da una promessa: d' ora in poi faremo di più e meglio. È più una sorta di ripartenza quella che va in scena all'Eliseo, dove Emmanuel Macron accoglie Giorgia Meloni alla sua prima visita a Parigi da quando ha assunto la guida dell'Italia, otto mesi fa. Le divergenze, ammette con pragmatismo il presidente francese, ci sono state e ci saranno ma i legami tra Italia e Francia sono tanti e tali, "una storia più profonda di noi". E gli "interessi delle nazioni", dice anche la premier, vengono prima di tutto. Quindi ora è il momento di collaborare, di andare avanti sui dossier, dal Patto di stabilità alla Tunisia, su cui è più facile trovare "convergenza".

Di convergenze su sfide comuni parla l'Eliseo, anche se sull'Expo 2030 le strade di Roma e Parigi divergono con i francesi che puntano sulla candidatura di Riad e Giorgia Meloni che si appella agli altri paesi per tenere alte le speranze italiane a favore della nostra Capitale. Le distanze dunque, restano, e la diffidenza, reciproca, pure. Ma i due entrano insieme nel salone Murat dell'Eliseo, decorato peraltro con vedute di Roma (il Tevere, e la colonna Traiana), si scambiano qualche sguardo mentre parlano, e poi lasciano a braccetto la sala per chiudersi nello studio del bilaterale. "Portiamo insieme la storia nel futuro", l'appello che lancia ai 179 delegati per convincerli a portare a Roma l'Expo 2030.

Appello che ha ripetuto in ambasciata la sera, con uno show animato dalla voce di Elisa. Ma la partita, sono tutti consapevoli, è difficilissima, anche perché Macron ha dato fin dall'inizio il suo sostegno alla saudita Riad. Sostegno che l'Eliseo conferma anche dopo l'ora e 40 che il presidente francese passa con la premier nel salone dorato al primo piano. In cui, riferisce Meloni, di Expo non si è proprio parlato.Nelle intenzioni italiane si vuole mettere una pietra sopra gli scontri e le incomprensioni dei primi mesi. "Non è un nuovo inizio", minimizza la premier, i rapporti sono sempre stati concentrati sui contenuti, anche perché la politica non è "una relazione tra ragazzini che litigano e fanno pace". E "l'amicizia" tra Italia e Francia, suggellata dal Trattato del Quirinale, dice Macron citando anche la recente visita del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Sui migranti non si entra nel dettaglio ma le parole che i due usano sono simili, concentrate su quella "difesa dei confini esterni" che è la richiesta portata avanti dall'Italia. E Macron spende parole di chiaro apprezzamento sulla postura dell'Italia nei confronti dell'aggressione russa a Kiev ("grazie per la tua grande chiarezza sull'Ucraina"). E l'intesa si può trovare anche sul Patto di Stabilità, per fare asse contro il rigore di Berlino ("siamo d'accordo che i parametri oggi sono inadeguati" e che gli investimenti "strategici non vanno trattati come gli altri"). Il colloquio però rimane sempre sui grandi temi, non si parla degli interessi di Vivendi in Italia e nemmeno di Tav, anche se gli sherpa, assicura, su questo stanno lavorando perché è fondamentale "procedere velocemente".

Rodolfo Ricci

( 21 giugno 2023 )

Mostre

Un antropologo che fa il fotografo

Al MUDEC Milano una coloratissima monografica dedicata a Martin Parr

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Filosofia

Schopenhauer: l’età del disincanto

C’è una via d’uscita dal dolore in cui versa la condizione umana, di cui tutti soffrono indipendentemente dalle circostanze esterne e dalla posizione sociale?

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Una bussola orientativa

Per la collana Voci, Treccani libri presenta il saggio di Claudio Magris, analisi della narrativa come forma letteraria tra la fine del XIX e la metà del XX secolo

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it