Venerdì 23 agosto 2019, ore 9:39

Quotidiano di informazione socio‑economica

Global

Usa, schiaffo Gm a Trump: al via 4.250 licenziamenti

LANSING, MI, - JULY 26:  General Motors' workers assemble a 2013 Cadillac ATS on the assembly line at the General Motors Lansing Grand River Assembly Plant July 26, 2012 in Lansing, Michigan. The first 2013 Cadillac ATS available for retail sale rolled off the assembly line today at the plant.  (Photo by Bill Pugliano/Getty Images)

È un lunedì nero per i lavoratori del colosso automobilistico General Motors. L’azienda ha dato il via, da oggi, ad un processo di ristrutturazione che prevede un taglio ai salari e il licenziamento, nel corso di questa settimana, di 4.250 dipendenti, che diventeranno circa 8mila entro la fine di febbraio. Il piano del gruppo automobilistico, che coinvolge cinque stabilimenti negli Stati Uniti a rischio chiusura, punta a un taglio di spese per circa 2,5 miliardi di dollari nel corso del 2019, che dovrebbero arrivare a 6 miliardi di dollari entro la fine del 2020.
La mossa, attuata proprio alla vigilia del discorso sullo stato dell’Unione, ha infastidito non poco il presidente Usa, Donald Trump, che ha ripetutamente criticato l'amministratore delegato di Gm, Mary Barra, per la decisione. Nel suo rimprovero, Trump si è concentrato sulle chiusure in Ohio, uno Stato che lo ha visto vincitore nelle elezioni del 2016. In particolare, nella fabbrica Gm di Lordstown l’attuale inquilino della Casa Bianca si era recato nel pieno della sua campagna elettorale ad assicurarne personalmente il rilancio.
Uno smacco anche per il sindacato americano dell’auto (Uaw), che pure negli anni scorsi era riuscito a far ingoiare pesanti sacrifici ai lavoratori per salvare l’azienda. Tutta la vicenda è ricostruita in un video realizzato dallo stesso sindacato e diffuso nei giorni scorsi. Nel video, che dura circa 2 minuti e mezzo, un narratore dice: "I contribuenti americani e i membri della Uaw si sono riuniti e hanno investito in Gm per mantenere a galla l'azienda. I contribuenti hanno investito. I membri Uaw hanno investito. I lavoratori di tutto il settore hanno fatto sacrifici e sono tornati al lavoro. I membri dell'Uaw hanno lavorato, faticato e fatto sacrifici giorno dopo giorno per portare Gm ai vertici del settore”. La voce fuori campo ricorda che i profitti sono saliti alle stelle e "altre case automobilistiche hanno riorganizzato e investito negli Stati Uniti. Gm, invece, ha ritirato gli investimenti dagli Usa. Ora, dopo aver incassato 12 miliardi di dollari l'anno scorso, Gm sta dando un calcio alle comunità, ai contribuenti e agli operai che gli hanno dato fiducia“. Il video si conclude con il narratore che chiosa: "Gm sta facendo una scelta che antepone i profitti e Wall Street ai lavoratori americani, ma non è necessario. Gm, abbiamo investito in te. Adesso tocca a te investire su di noi”.
(Articolo integrale di Ester Crea domani su Conquiste Tabloid)

( 30 maggio 2019 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it