Venerdì 24 maggio 2024, ore 16:30

Inps

Crolla il numero delle pensioni

L’innalzamento dei requisiti per la pensione di vecchiaia per le donne e quello per l’assegno sociale nel 2018, portati a livello degli uomini a 66 anni e sette mesi, hanno provocato un vero e proprio crollo delle uscite collegate all’età, mentre sono rimaste stabili quelle anticipate legate ai contributi versati. Le pensioni complessivamente liquidate con decorrenza nel 2018 - si legge nel monitoraggio sui flussi di pensionamento pubblicato dall’Inps - sono state 483.309 con un calo del 20,4% rispetto alle 607.525 del 2017. Nel 2018 le pensioni di vecchiaia complessive sono state 125.293 con un calo del 39,4% sul 2017 mentre quelle anticipate sono state 140.752 (-9%). Le invalidità con decorrenza 2018 sono state 42.288 (in calo sulle 49.837 del 2017) mentre le pensioni ai superstiti sono state 174.976 con un calo del 10,8%. Le pensioni liquidate ai lavoratori autonomi sono state 197.444 con un calo del 7,5% rispetto al 2017. Per i lavoratori autonomi il calo più consistente non si è avuto per la vecchiaia (68.422 le liquidate per raggiunti limiti di età, -1,6%) ma per le anticipate (51.331 con un calo del 12,2%) e per i superstiti (65.271 con un -16,6%).

Ma con l’aumento dell’età per accedere all’assegno sociale scattato nel 2018 (da 65 anni e sette mesi a 66 anni e sette mesi) sono crollate del 79% anche le liquidazioni di questi assegni, da 79.257 del 2017 a 16.621. E nel 2019 è scattato un nuovo aumento dell’età per accedere a questa prestazione assistenziale, che prescinde dal versamento dei contributi, a 67 anni.

Articolo completo domani su Conquiste tabloid

( 17 gennaio 2019 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il passato remoto è il tempo ideale della narrazione e non a caso nelle coniugazioni verbali greche e latine veniva chiamato “perfetto”

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

L’uomo giusto al momento sbagliato

La storia di Vincenzo Tiberio, il medico italiano che primo fra tutti, nel 1895, quindi 34 anni prima di Alexander Fleming, scoprì l’impor tanza di alcune muffe e sperimentò il loro potere antibiotico

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

La condanna e la salvezza

Silvia Avallone: dopo il male si può rinascere: l’occhio è il fulcro dell’indagine fenomenologica

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it