Venerdì 23 agosto 2019, ore 9:38

Quotidiano di informazione socio‑economica

In primo piano

Tav. Sindacati: “No al congelamento dell’opera”

di Sara Martano

L’accordo sulla Tav tra Lega e Movimento 5 Stelle, che prevede il congelamento dell’opera, non piace ai sindacati.

“La Tav, il blocco delle infrastrutture, dei cantieri e delle trivelle sono tutti fattori della crescita del Paese che vengono penalizzati” afferma la segretaria della Cisl Annamaria Furlan che continua: “E' un fatto inaccettabile, soprattutto perché questo significa migliaia di posti di lavoro in meno. Credo che la Tav sia assolutamente importante non solo per l’economia del Piemonte e del Nord-Ovest ma per tutto il Paese. Continuare a rallentare e a spostare nel tempo la costruzione di quest’opera infrastrutturale significa davvero perdere una possibilità straordinaria di aprirci ai mercati internazionali e rendere più competitive le nostre aziende”.

Anche il segretario generale della Filca Cisl, Franco Turri è sulla stessa linea: “Solo 20 giorni fa Matteo Salvini era in visita nel cantiere Tav di Chiomonte, dove ha incontrato i lavoratori e ha dichiarato di essere favorevole alla prosecuzione dell’opera. Di quella giornata resta solo qualche selfie e la grande delusione dei lavoratori, che si sentono presi in giro da un governo che si regge su baratti tra i due partiti di maggioranza e che dimostra ogni giorno di non avere a cuore il futuro del Paese. La mozione presentata ne è la prova”.

Il sindacato invita Salvini a recarsi nuovamente nei cantieri della Tav, e a spiegare agli stessi lavoratori che ha incontrato, i motivi del dietrofront. “Il governo spieghi ai lavoratori dell’edilizia, agli imprenditori, all’intero mondo economico italiano i motivi per cui l’Italia debba rinunciare ad un’opera moderna e in grado di avvicinare il nostro paese all’Europa - continua Turri -. La Filca è sempre stata a favore della Tav e di tutte le infrastrutture utili a modernizzare il Paese. Eravamo in piazza a Susa già nel 2011, in un clima di grandissima tensione, quando a rischio non c’era l’opera ma l’incolumità e la libertà degli edili che lavoravano per realizzare la Tav. Quest’ultima, però, è solo la punta dell’iceberg: in Italia ci sono centinaia di cantieri bloccati, nonostante le risorse già disponibili, come ha dichiarato il ministro Tria, siano circa 100 miliardi, indispensabili per far uscire il Paese dalla recessione. Tradire la fiducia dei lavoratori - conclude Turri - svendere la crescita e il futuro del Paese per 30 denari, come stanno facendo Salvini e la Lega, è un fatto gravissimo e inaccettabile”.

( 21 febbraio 2019 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it