Domenica 5 aprile 2020, ore 2:41

Quotidiano di informazione socio‑economica

Contratti

Edilizia, c’è il rinnovo del contratto artigianato

di Sara Martano

Completato l’iter per il rinnovo del contratto edilizia artigianato, scaduto più di 3 anni fa. Con l’intesa sottoscritta si riallineano, per la prima volta, tutti i contratti dell’edilizia, sia sul versante salariale che su quello della bilateralità e del welfare contrattuale.

A siglare l’accordo, che interessa circa 400 mila addetti che lavorano in centinaia di migliaia di imprese, sono stati i sindacati di categoria FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil, e le controparti Anaepa Confartigianato, Cna, Fiae Casartigiani e Claai.

“Per il calcolo dell’aumento retributivo - spiegano i sindacati - è stato utilizzato un metodo che omogeneizza le tabelle contrattuali dell’artigianato con quelle degli altri contratti dell’edilizia, al fine di evitare fenomeni di dumping contrattuale e di evitare concorrenza all’interno di uno stesso luogo di lavoro. Al parametro 130, operaio specializzato, punto di maggiore addensamento nell’artigianato, l’aumento è pari a 68 euro”. Inoltre le parti hanno deciso di aumentare di 2 euro al I livello il contributo alla previdenza complementare nazionale, Prevedi, già a partire dal 1° marzo prossimo. Aumento che al settimo livello sarà di 4,10 euro al mese. Gli aumenti salariali si aggiungono alle intese raggiunte nel maggio del 2019 su bilateralità, Fondo Sanitario, Fondo Pensione e Fondo Giovani.

Ottenuto anche il potenziamento del Fondo nazionale per il ricambio generazionale che prevede il pensionamento anticipato degli operai con determinati requisiti contributivi. Le parti hanno inoltre deciso l’istituzione di un Fondo per incentivare l’occupazione giovanile, anche al fine di qualificare sempre di più il settore. Altra novità importante riguarda la costituzione del Fondo Nazionale paritetico per l’assistenza sanitaria integrativa a favore di tutte le maestranze e degli impiegati che valorizza ancora di più la funzione del sistema bilaterale tradizionale in materia di welfare. “Con questo rinnovo che completa il quadro della contrattazione nazionale - proseguono i sindacati - abbiamo creato i presupposti per promuovere realmente l’applicazione del contratto edile nei cantieri, garantendo ai lavoratori parità di trattamenti, sicurezza e formazione. Da oggi il nostro impegno comune è rivolto alla lotta al dumping derivante dall’applicazione di altri contratti che popolano abusivamente i nostri cantieri. Vogliamo rilanciare il settore e tutelare le imprese virtuose. L’artigianato - concludono i sindacati - rappresenta un comparto fondamentale, le cui specificità devono essere affrontate con misure che ne rilancino il valore aggiunto, per questi motivi abbiamo istituito una apposita commissione che elabori strumenti per rilanciare la formazione, la professionalità dei lavoratori e l’innovazione dei processi nei settori della rigenerazione, riqualificazione e adeguamento sismico. Una completa ripartenza dell’edilizia non può prescindere da un comparto artigiano forte ed attrezzato per le nuove sfide che abbiamo davanti”.

( 31 gennaio 2020 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2020 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it