Martedì 20 ottobre 2020, ore 4:51

Quotidiano di informazione socio‑economica

Made in Italy

Industria alimentare, c’è l’intesa sul rinnovo del contratto

di Sara Martano

Firmato il rinnovo del contratto nazionale dell’industria alimentare 2019-2023 tra Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil e Unionfood, Ancit e AssoBirra.
“Si tratta di un contratto qualificante e di grande valore - affermano i segretari generali di Fai, Flai e Uila, Onofrio Rota, Giovanni Mininni e Stefano Mantegazza -. In questi 9 mesi di trattativa, abbiamo fatto tutto il possibile per tenere unite le controparti in un unico tavolo, ma le divisioni tra le diverse associazioni di imprese in seno a Federalimentare non si sono ricomposte. Le altre associazioni hanno abbandonato il tavolo negoziale poco prima della conclusione della trattativa. Scelta che risulta essere incomprensibile, dal momento che con le stesse sono stati concordati tutti i miglioramenti normativi e l’incremento del Tem, trattamento economico minimo. Unica differenza rispetto al contratto sottoscritto, 13 euro a carico delle aziende, a partire dall’aprile 2023, per l’incremento aggiuntivo della retribuzione. Questo contratto, frutto di tanti momenti di confronto e mobilitazioni, riconosce un aumento salariale assolutamente appropriato, di 119 euro a regime, a cui si aggiungono 5 euro di welfare e 30 euro che verranno erogati a tutti i lavoratori per i quali non viene svolta la contrattazione di secondo livello”.
Tra i punti qualificanti del rinnovo: introduzione di specifici piani di formazione e rafforzamento della collaborazione tra imprese e mondo della scuola e dell’Università; recepimento dei contenuti del Patto della Fabbrica su partecipazione e coinvolgimento dei lavoratori; obbligo, da parte dell’azienda, in caso di mancata iscrizione al sistema di welfare, a versare 20 euro mensili in busta paga.
In maniera innovativa viene normato il lavoro agile, a partire dal diritto alla disconnessione e alla privacy e viene rafforzata la formazione sulla sicurezza sul lavoro.
Migliorata anche la normativa degli appalti, che vincola all’applicazione del contratto nazionale del settore merceologico delle attività appaltate, sottoscritte dai sindacati maggiormente rappresentativi.
In materia di congedi parentali vengono ampliati sia quelli retribuiti che non retribuiti, per i figli a carico e l’assistenza familiare, e viene riconosciuto il congedo per donne vittime di violenza. Infine è stato rinviato al 1° gennaio 2025 il versamento del contributo da parte dei lavoratori al fondo di assistenza sanitaria Fasa.
“Chiaramente - concludono i sindacati - avendo da oggi un contratto valido fino al 2023, non esiste altra intesa per i comparti dell’industria alimentare: il contratto di riferimento per chiunque vorrà rinnovarlo sarà quello siglato questa notte. Il nostro obiettivo rimane quello della conferma di un contratto unico e di un modello di relazioni industriali forte, strutturato, responsabile, che tuteli tutte le lavoratrici e i lavoratori dell’industria alimentare. Fai Flai e Uila apprezzano la scelta di Unionfood, AssoBirra e Ancit che, di fronte alle sfide che attendono il Paese e il settore nei prossimi anni, hanno deciso di scommettere sul valore delle relazioni sindacali”.

( 31 luglio 2020 )

FOTO GALLERY

© 2001 - 2020 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it