Domenica 29 marzo 2020, ore 11:31

Quotidiano di informazione socio‑economica

Istat

Costruzioni, il 2015 si chiude ancora con un segno meno

Il settore delle costruzioni fatica a risalire la china: la produzione - nonostante il quarto trimestre del 2015 abbia evidenziato una crescita dell’1,2% rispetto al trimestre precedente - nel corso del 2015 ha infatti registrato una diminuzione dell’1,9% rispetto al 2014. E' quanto emerge dai dati diffusi oggi dall'Istat. A dicembre, invece, l'indice vede un calo dello 0,6% rispetto a novembre e un aumento dello 0,6% rispetto a dicembre 2014 (nei dati corretti per gli effetti di calendario: i giorni lavorativi sono stati 21 contro i 20 di dicembre 2014). A dicembre l'indice grezzo ha segnato un aumento tendenziale del 4,2% rispetto allo stesso mese del 2014. In media d'anno, nel 2015 l'indice è sceso dell'1,0% nei confronti dell'anno precedente. Insomma, la crisi si è allentata ma non abbastanza da impedire nuovi e più pesanti scossoni ad un settore che ha pagato anche più di altri la caduta economica degli ultimi anni, con imprese che hanno chiuso i battenti e centinaia di migliaia di lavoratori lasciati a casa. L’Ance, che giusto stamane ha rinnovato la fiducia al presidente De Albertis ed alla sua squadra, ora spera in una svolta. Le previsioni fatte dai costruttori appena pochi giorni fa stimano un aumento dell’1% in termini reali degli investimenti in costruzioni, idoneo ad interrompere il trend negativo in atto dal nefasto 2008. Un’inversione di tendenza che dovrebbe essere sostenuta dal prolungamento della crescita del comparto della riqualificazione del patrimonio abitativo, dal cambio di segno nelle opere pubbliche, dopo un decennio di forti cali, e da un’attenuazione della caduta dei livelli produttivi nella nuova edilizia abitativa e nel non residenziale privato. Chiaramente un nuovo ciclo edilizio che sarà incentrato sull’ambito della rigenerazione urbana. Il settore delle costruzioni dovrà convergere su un nuovo ciclo industriale cogliendo i tanti segnali positivi già esistenti, con l’obiettivo finale di ricominciare a creare lavoro. Che è quanto tutti, e soprattutto il sindacato, auspicano.

( 18 febbraio 2016 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2020 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it