Martedì 16 luglio 2024, ore 7:41

Economia 

Pil, nel 2022 oltre le stime della Nadef 

L'economia italiana ha viaggiato nel quarto trimestre del 2022 ad un ritmo inferiore alla media europea. Il Pil è diminuito nel nostro Paese dello 0,1% rispetto al terzo trimestre contro la crescita, seppur lieve, dello 0,1% dell’area euro e la variazione nulla dell’Unione europea. Nel confronto con le altre economie europee, emerge la distanza da Spagna (+0,2%) e Francia (+0,1%). La Germania fa invece peggio con una variazione negativa dello 0,2%. Nel 2022 il Pil italiano, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato del 3,9% rispetto al 2021. Il dato reso noto dall’Istat è superiore alle stime del Governo contenute nella Nadef, che indicavano per lo scorso anno una crescita del Pil del 3,7%. La crescita acquisita per il 2023, quella che - in base alla spinta del 2022 - si otterrebbe se tutti i trimestri di quest'anno registrassero una variazione nulla del Pil, è dello 0,4%.
Sempre l’Istat fa sapere che gli occupati in Italia a dicembre sono cresciuti di 37 mila unità su novembre e di 334 mila unità su dicembre 2021. Il tasso di occupazione tra i 15 e i 64 anni sale al 60,5%, il livello più alto dal 2004, data di inizio delle serie storiche. Il tasso di disoccupazione totale è stabile al 7,8%, quello giovanile cala al 22,1%. Il tasso di inattività scende al 34,3% (-0,1 punti).
Gli over 50 occupati a dicembre 2022 erano 9 milioni 153 mila con un aumento di 13 mila unità su novembre e di 309 mila unità su dicembre 2021. Dal 2004 c’è stato un aumento consistente della fascia più anziana dei lavoratori passati da 4 milioni 894 mila di dicembre 2004 a 9 milioni 153 mila di dicembre 2021. Con l’invecchiamento della popolazione e la stretta sull'accesso alla pensione gli over 50 al lavoro sono aumentati di oltre 4,2 milioni di unità in 18 anni con una crescita che si è fatta più sostenuta negli ultimi 10. A fine 2012, a un anno dall'introduzione della riforma Fornero, gli over 50 al lavoro erano 6 milioni 409 mila, circa 2,7 milioni in meno di quelli di dicembre 2022. Da dicembre 2004 a dicembre 2022 si è invece ridotto in modo consistente il numero degli occupati tra i 25 e i 34 anni passati da 5 milioni 903 mila a 4 milioni 105 mila. Il dato è legato prevalentemente alla demografia mentre il tasso di occupazione in questa fascia di età è sceso dal 69,5% di dicembre 2004 al 66,8% di dicembre 2022 e quello di disoccupazione salito dal 10,2% all'11,2%.
Nel 2022, l'intensa stagione contrattuale ha portato al recepimento di 33 contratti collettivi e la crescita delle retribuzioni contrattuali è stata, nella media dell'anno, pari a +1,1%. Il divario tra la dinamica dei prezzi - misurata dall'Ipca - e quella delle retribuzioni contrattuali è salito a 7,6 punti percentuali, raggiungendo il valore più elevato dal 2001.
L'indice mensile delle retribuzioni contrattuali a dicembre 2022 registra un aumento dello 0,1% rispetto a novembre e dell' 1,5% rispetto a dicembre 2021; in particolare, l'aumento tendenziale ha raggiunto l'1,5% per i dipendenti dell'industria, lo 0,6% per quelli dei servizi privati e il 2,8% per la pubblica amministrazione.
Alla fine di dicembre 2022, sottolinea l'Istat, i 47 contratti collettivi nazionali in vigore per la parte economica riguardano il 50,4% dei dipendenti - circa 6,2 milioni - e corrispondono al 51,2% del monte retributivo complessivo. I contratti in attesa di rinnovo a fine dicembre 2022 scendono a 26 e coinvolgono circa 6,1 milioni di dipendenti, il 49,6%. Il tempo medio di attesa di rinnovo è sceso dai 28,2 mesi di gennaio 2022 ai 24,8 mesi di dicembre 2022. Nel corso del quarto trimestre 2022 sono stati recepiti 3 contratti nel settore privato (lapidei, gas e acqua aziende private e municipalizzate e assicurazioni), mentre nel settore pubblico contratti per il comparto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (triennio 2016-2018), Regioni e autonomie locali, Servizio Sanitario Nazionale e comparto Scuola, Istruzione e Ricerca (tutti e tre relativi al triennio 2019-2021). Nello stesso periodo nessun contratto è scaduto.
Giampiero Guadagni

( 31 gennaio 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Un provvidenziale viatico per esplorare in lungo e in largo le innumerevoli potenzialità del tomismo, il suo lascito semantico lungo e prezioso

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un’originale escursione letteraria

Interessante excursus che sviluppa il confronto tra due mondi che la storia ha da sempre visto come contrapposti, Francia e Germania

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Muoversi fra il reale e il fantastico

L’aristocratica, il cavaliere, il religioso sono solo alcuni dei personaggi che si incontrano fra le pagine di “Viaggiare nel Medioevo” 

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it