Lunedì 22 luglio 2024, ore 9:17

Ecofin 

Mes, l’Ue boccia la proposta di Roma. Ora serve una soluzione politica 

Alla fine di una lunga nottata è arrivato l'altolà di Bruxelles all'ambizione italiana di unire i diversi dossier più scottanti, cercando una trattativa allargata che parta dalla ratifica ancora mancante a Roma della riforma del Mes, fino all'attesa riforma del Patto di stabilità, passando per la garanzia europea dei depositi (Edis). "Se si inizia a collegare tutto con tutto, diventa più difficile fare progressi", ha avvertito il vicepresidente esecutivo della Commissione europea, Valdis Dombrovskis. "Il trattato di riforma del Mes è stato approvato da tutti, quindi è importante che gli Stati membri procedano alla ratifica". Del tema non si è parlato ufficialmente nella riunione dell'Ecofin.

Ma certo rimane il nodo della ratifica della riforma del Meccanismo europeo di stabilità, siglata oltre due anni fa con l'idea di far sì che si possa usare il Mes oltre che nell'assistenza agli Stati in difficoltà a finanziarsi pur se sani, anche nel prestito di fondi fino a 68 miliardi come 'paracadute' al Fondo di risoluzione unico, nel caso di crisi bancarie. Uno scenario salito nell'agenda politica ed economica dopo le turbolenze innescate negli Stati uniti dal crac di Silicon Valley Bank e in Svizzera dal salvataggio del Credit Suisse da parte di Ubs. Il ministro italiano Giancarlo Giorgetti, ha ricordato ai colleghi la contrarietà del Parlamento italiano alla ratifica dello strumento, segnalando il costante contatto con il presidente dell'Eurogruppo, Paschal Donohoe, e il direttore generale del Mes, Pierre Gramegna, alla ricerca di una soluzione.

Il Mef aveva segnalato che in un colloquio tra Giorgetti e Donohoe a margine del G7 finanziario in Giappone si è evidenziata una "disponibilità al dialogo sul trattato" del Mes in una cornice di modifiche come esclusione temporanea delle spese per investimenti digitali e green compresi quelli del Pnrr, rinviando dunque all'idea italiana di poter ottenere una revisione della riforma del Patto di stabilità che consideri uno scomputo di certi investimenti dalle spese. Sul fronte del Mes tra le ipotesi c'è quella di una mediazione politica ottenendo un impegno a una modifica, di fatto un nuova riforma dello strumento, da far seguire subito dopo il completamento delle ratifiche. Ma il confronto non ha ancora trovato un punto di equilibrio tanto che altre fonti, vicine al dossier, indicano come più percorribile una sintesi comune, fatta in anticipo, su un uso molto più flessibile del Mes, anche nella direzione chiesta da alcuni Stati membri. Ma, questo, all'interno del quadro già tracciato dalla riforma da ratificare. Intanto l'Italia continua ad attendere il via libera di Bruxelles alla terza rata del Pnrr.

A quanto si è appreso, i funzionari della Commissione stanno valutando gli ultimi chiarimenti giunti da Roma alla fine della scorsa settimana. Sebbene l'ok dell'Ue venga dato quasi per scontato da fonti vicine al dossier, la decisione non pare ancora essere imminente. Alla fine dell'Ecofin Dombrovskis ha comunque esortato tutti a far avanzare l'attuazione dei Pnrr. "La Commissione ha ricevuto la notifica da parte degli Stati membri dell'intenzione di richiedere ulteriori prestiti per un importo di 148 miliardi di euro e ogni Paese interessato dovrebbe presentare una richiesta formale di prestito entro fine di agosto con la revisione del Pnrr", ha segnalato.

Rodolfo Ricci

( 17 maggio 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Gae Aulenti è stata una della principali protagoniste della storia dell’architettura e del design del Novecento

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

La ricerca della verità

“Chi dice e chi tace”, di Chiara Valerio, uno romanzo che sbaraglia molta pseudoletteratura lacrimosa 

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Cinema

Simenon-Maigret e lo schermo

Fra i molti attori che hanno interpretato il commissario colui che più di tutti rispondeva all'ideale dello scrittore francese è stato, per sua ammissione, Gino Cervi

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it