Domenica 19 maggio 2024, ore 3:29

Inflazione 

Powell e Lagarde tornano “falchi” e gelano i mercati sui rialzi dei tassi 

L'entusiasmo dei mercati per lo stop nei rialzi dei tassi potrebbe essere già finito, stroncato dai toni da falco che i banchieri centrali hanno deciso di riprendere. Il capo della Fed prima e la numero uno della Bce dopo, hanno riaperto alla possibilità che il lavoro della politica monetaria per combattere l'inflazione non sia ancora finito. Ipotesi che ha raffreddato le borse soprattutto in Europa. I cali, maggiori durante la giornata di contrattazione, sono stati attutiti in chiusura da Wall Street che ha invece tentato un rimbalzo dopo il calo di venerdì. Powell ha messo in guardia dal non farsi ingannare dall'inflazione, che ci ha già dato indicazione false.

"Se sarà appropriata una ulteriore stretta, non esiteremo a farla. Continueremo comunque a muoverci con cautela, e questo ci consentirà di affrontare il rischio di essere ingannati da qualche mese di dati positivi e dal rischio di una politica monetaria troppo restrittiva", ha detto in un discorso pronunciato a Washington che ha colto le Borse di sorpresa. La Fed, ha spiegato, non è sicura di aver raggiunto una postura che le consenta di centrare l'obiettivo di un'inflazione al 2%, anche se i tassi sono ai massimi da 22 anni.

La strada, ha aggiunto, potrebbe essere ancora lunga. La presidente della Bce Christine Lagarde usa parole diverse ma manda segnali nella stessa direzione. "I tassi hanno raggiunto un livello che, se sostenuto abbastanza a lungo, darà un contributo significativo a portare l'inflazione all'obiettivo. Questo è lo scenario di base che abbiamo prodotto con le previsioni di fine settembre, ma se ci saranno altri shock dovremo rivedere" lo scenario, ha assicurato.

Una promessa che ha mandato le Borse europee in terreno negativo. Anche per l'Eurozona c'è un problema di dati ancora non stabili e quindi non affidabili. "L'inflazione è scesa molto, a ottobre di un anno fa era 10,6%, ora è scesa al 2,9%, un calo enorme, e qualcuno potrebbe dire che la politica monetaria ha fatto il suo lavoro", ha detto Lagarde, ricordando che però il calo è dovuto per la maggior parte al calo dei prezzi dell'energia. E ora bisogna "monitorare" proprio questo, perché anche se i prezzi dell'energia rimarranno piatti, non è detto che l'inflazione resti al 2,9% a lungo. "Ci sarà molto probabilmente un rialzo, dovremmo aspettarcelo", ha aggiunto. La soglia di allerta resta quindi elevata, e non bisogna aspettarsi tagli dei tassi a breve.

Tenere i "tassi su questi livelli abbastanza a lungo significa abbastanza a lungo, non è che vedremo cambiamenti nel prossimo paio di trimestri", ha chiarito. Ma Goldman Sachs ha abbassato le sue previsioni sul tasso di riferimento della Bce per il 2024 al 3,5% e si aspetta il primo taglio del tasso di riferimento nel terzo trimestre dell'anno prossimo, viste anche le sue previsioni su un'inflazione core "più debole". Lo si legge in un report della banca d'affari statunitense, che abbassa le previsioni sull'inflazione core per l'area euro nel 2024 al 2,6% su base annua.

Rodolfo Ricci

( 13 novembre 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Copertina dedicata al saggio “Dio, la scienza, le prove. L’alba di una rivoluzione”, scritto da due studiosi, Michel-Yves Bolloré e Olivier Bonassies

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

La scomparsa di Alice Munro

Lo sguardo sulla provincia

Premio Nobel per la letteratura nel 2013 e subito dopo precipitata nell’avverarsi dell’incubo peggiore di chi scrive: la demenza senile

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Intervista

Le sfaccettature dello smart working

A colloquio con Francesco Maria Spanò, saggista ed esperto di tematiche di organizzazione e gestione delle risorse umane

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it