Lunedì 21 settembre 2020, ore 7:13

Quotidiano di informazione socio‑economica

Industria

Porto Torres, ancora al palo il progetto di chimica verde

di Sara Martano

C’è ancora molto da fare per la realizzazione del progetto di chimica verde a Porto Torres, in provincia di Sassari.

Lo denunciano i sindacati confederali e di categoria regionali in un incontro convocato dall’Assessora all’industria, Anita Pili.

“Ci aspettiamo la piena realizzazione degli impianti e l’immediata convocazione della cabina di regia - afferma il segretario generale della Cisl sarda, Gavino Carta - per una condivisa valutazione dei passi necessari per mettere in atto le variazioni che saranno ritenute opportune per la realizzazione completa degli investimenti e il conseguente raggiungimento dei livelli occupativi”.

Per il sindacato, la riunione, in sostanza ha solamente rimarcato le distanze tra le dichiarazioni aziendali sul progetto e la visione sindacale che ha invitato azienda e Regione ad attivarsi presso la presidenza del Consiglio Conte per riprendere il progetto e portarlo a compimento. Il protocollo d’intesa che prevedeva la riqualificazione e la reindustrializzazione dell’area dell’ex petrolchimico di Porto Torres era, infatti, stato firmato nel 2011 tra Regione, Eni e Novamont. Ad oggi, manca ancora molto da mettere in campo.

“Non ci basta più solo il fatto che il progetto è stato modificato - commenta Luca Velluto, segretario generale Femca di Sassari - perché comunque cambiano gli scenari economici industriali. Il progetto va portato a compimento utilizzando le risorse che erano state messe a disposizione ma che oggi sono state rimodulate unilateralmente dall’azienda”.

Secondo quanto affermato dall’azienda per la realizzazione degli impianti Matrìca sono stati finora investiti 214 milioni di euro. I risultati iniziali hanno evidenziato un disallineamento rispetto ai valori attesi, pertanto nell’autunno 2018 sono stati implementati interventi per migliorare gli assetti di marcia e la qualità delle produzioni realizzate. È inoltre in fase conclusiva un’ulteriore fermata, avviata a metà ottobre 2019, per la realizzazione di investimenti che consentiranno ulteriori miglioramenti in termini di capacità e di affidabilità degli impianti e in cui sono impegnate in media 100 persone al giorno delle imprese terze.

Ma i sindacati insistono: “Questo territorio si trova in una situazione disastrosa - conclude Pier Luigi Ledda, segretario generale Cisl di Sassari - perciò non possiamo più permetterci ulteriori dilazioni”.

( 21 gennaio 2020 )

FOTO GALLERY

© 2001 - 2020 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it