Venerdì 12 aprile 2024, ore 17:38

Economia

Previsioni Ue: Italia ultima per crescita

Brutte notizie da Bruxelles: il deficit nominale dell'Italia salirà al 2,9% nel 2019, secondo le previsioni economiche d'autunno pubblicato oggi dalla Commissione europea. La stima del governo italiano contenuta nel Documento programmatico di bilancio è di un deficit al 2,4% il prossimo anno. Secondo la Commissione, il deficit nominale dovrebbe poi salire al 3,1% nel 2020 contro il 2,1% indicato dal governo nella nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza.

L'Italia rimane poi il fanalino di coda in termini di crescita del Pil nella zona euro e nell'Unione europea, con una crescita del 1,1% nel 2018 e 1,2% nel 2019 contro una media nella zona euro del 2,1% per quest'anno e del 1,9% il prossimo. La scorsa estate l'esecutivo comunitario aveva previsto una crescita dell’1,1% per l'Italia il prossimo anno. Secondo la Commissione, il Pil italiano si dovrebbe attestare al 1,3% nel 2020 contro la stima del 1,6% indicata dal governo nella nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza. La Commissione ha anche ritoccato al rialzo le previsioni sull'andamento del rapporto debito-Pil dell'Italia, al 131 per cento nel 2019, dopo un 131,1 per cento nel 2018, e al 131,1 per cento nel 2020.

Per quanto riguarda il lavoro, il tasso di disoccupazione dovrebbe attestarsi al 10,4% nel 2019. La stima per il 2018 è di una disoccupazione al 10,7%, mentre per nel 2020 il tasso dei senza lavoro dovrebbe scendere al 10%. Nella nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza, il governo stima il tasso di disoccupazione al 10,6% per il 2018, al 9,8% nel 2019 e al 9,1% nel 2020.

Il paese che cresce meno dopo l'Italia nella zona euro è il Belgio con l'1,5% nei prossimi due anni. Nell'Unione Europea a 28 anche il Regno Unito fa meglio dell'Italia, con una crescita del Pil del 1,3% nel 2018 e del 1,2% nel 2020. Complessivamente il Pil della zona euro dovrebbe crescere del 1,9% nel 2019 e del 1,7% nel 2020.

"Nonostante un clima più incerto, tutti gli Stati membri dovrebbero continuare a crescere, anche se a un ritmo più lento", dice la Commissione. Ma, avvertono le previsioni Ue, "questo scenario di base è sottoposto a un numero crescente di rischi al ribasso interconnessi", dove "la materializzazione di uno di questi rischi potrebbe amplificare gli altri e aumentare la magnitudine del loro impatto". Questi sono la situazione economica negli Usa, il suo "surriscaldamento" potrebbe avere effetti spillover negativi sulle economie emergenti e i paesi con debito denominato in dollari, e poi la guerra commerciale con la Cina, che rischia "un aggiustamento disordinato" della sua economia, e la stessa Ue. "Qualsiasi aumento delle tensioni commerciali danneggerebbe anche l'Ue attraverso il suo effetto sulla fiducia investimenti e la sua elevata integrazione nelle catene del valore globale". Restano poi i "rischi legati all'esito dei negoziati sulla Brexit". E, infine, concludono le previsioni, "all'interno dell'Ue, i dubbi sulla qualità e la sostenibilità delle finanze pubbliche di paesi altamente indebitati" come l'Italia, "potrebbero avere effetti di spillover sui settori bancari nazionali, aumentando le preoccupazioni di stabilità finanziaria e pesando sull'attività economica".

(Altri servizi domani su Conquiste Tabloid)

( 8 novembre 2018 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Nel “Discorso sul metodo” Cartesio non fissa solo sul modello delle matematiche i principi del conoscere ma anche quelli della morale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un romanzo fatto di antieroi

Marco Lodoli torna in libreria con il suo nuovo attesissimo romanzo. Ambientato in un Liceo di periferia, la storia narra di una bidella che si innamora perdutamente del nuovo professore di Lettere

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Piero della Francesca. Il polittico agostiniano riunito

In mostra al Museo Poldi Pezzoli-Milano, per la prima volta nella storia, otto tavole provenienti da cinque musei internazionali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it