Giovedì 29 febbraio 2024, ore 13:06

Bruxelles 

Patto di stabilità Ue: si accende lo scontro tra Parigi e Berlino 

Scontro tra Francia e Germania sulla riforma del Patto di stabilità e crescita dell'Ue. Parigi alza le barricate contro ogni automatismo, mentre Berlino chiede proprio paletti numerici prestabiliti e uguali per tutti, automatici appunto, guardando soprattutto ai Paesi più indebitati. L'Italia, intanto, con il ministro delle Finanze Giancarlo Giorgetti rende pubblica la richiesta di una 'golden rule', un'eccezione all'attesa regola sulla traiettoria di spesa, chiedendo considerazione o un "trattamento particolare" per gli investimenti ritenuti prioritari nell'Ue, "in particolare quelli relativi alla transizione ambientale, energetica e digitale".

Il Consiglio dei ministri dell'Economia a Lussemburgo di fine settimana scorsa ha segnato comunque l'avvio ufficiale della trattativa politica sul nuovo Patto di stabilità, dopo la proposta presentata dalla Commissione ad aprile. L'obiettivo è quello di raggiungere un'intesa per l'autunno, in modo da finalizzare il negoziato interistituzionale già entro fine anno, cioè in tempo per quando scadrà la clausola che ha sospeso l'applicazione delle regole all'inizio della pandemia, o comunque prima che si concluda la legislatura. "Il tempo non è illimitato ", ha avvertito il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni.

La proposta della Commissione è incentrata su piani di spesa nel medio termine che andranno concordati dagli Stati con l'esecutivo e dovranno portare a una riduzione sostenibile del debito nel lungo periodo. La Germania chiede di rivederla introducendo un vincolo a ridurre non solo il deficit (come propone l'esecutivo, dello 0,5% annuo per chi sfori il tetto del 3%) ma anche il debito, che per i Paesi più indebitati dovrebbe scendere dell'1% all'anno. "Non è troppo ambizioso ridurre dell'1% il debito rispetto al Pil", ha ribadito il ministro delle Finanze tedesco Christian Lindner. All'opposto il collega francese Bruno Le Maire, contrario a "regole automatiche e uniformi nel Patto di stabilità e crescita". "Sarebbe una colpa economica e una colpa politica", ha detto. L'Italia da parte sua chiede una revisione delle regole perché tengano conto della necessità di sostenere la crescita: "È necessaria per assicurare la sostenibilità dei conti", ha affermato Giorgetti, rimarcando che il Patto è sì di stabilità, ma anche di crescita. Se il focus dell'intervento dell'Italia è stato sugli investimenti del Pnrr, altri Paesi hanno richiamato l'importanza di avere regole che sostengano investimenti e riforme, Francia su tutti, ma anche Spagna, Portogallo, Grecia e Malta sono su posizioni analoghe.

Da quanto filtra da fonti diplomatiche, poi, anche altri Stati caldeggiano una riforma che preveda anche uno scorporo o una considerazione diversa degli investimenti nella difesa. Sul fronte opposto restano intanto gli undici 'frugali' della lettera 'anti debito' pubblicata alla vigilia dell'Ecofin su impulso tedesco, al cui schieramento si possono ascrivere anche Finlandia e Svezia e - con ben più moderazione - l'Olanda.

Rodolfo Ricci

( 19 giugno 2023 )

Mostre

La cartografia e la famiglia De Agostini

 Le carte geografiche della De Agostini hanno segnato un’in tera epoca, a cui oggi, nel mondo dominato dalla digitalizzazione e dai satellitari, guardiamo con una certa nostalgia

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Eventi

Torna Milano MuseoCity

Dal primo marzo la manifestazione promossa dal Comune con l’obiettivo di valorizzare gli spazi espositivi della città e del territorio limitrofo

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Il capolavoro scomparso

“Il collezionista” è la riprova del talento di Daniel Silva e la conferma che la letteratura di spionaggio costituisce l’unica forma letteraria di rilettura e interpretazione geopolitica di questa epoca

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it